English (UK)ItalianoFrançais

Seguici su facebook icon youtube icon

Prevenzione

Prevenzione oggi in odontoiatria

La prevenzione è quell‘insieme di azioni atte a ridurre il rischio dell‘insorgere di eventi indesiderati. In campo dentale la prevenzione primaria atta ad abbassare la percentuale di rischio dell‘insorgenza di malattie del cavo orale deve essere condotta seguendo tre linee generali:

1. Effettuando visite di controllo professionali periodiche: di fondamentale importanza è recarsi dal dentista almeno una volta l‘anno anche in assenza di sintomi in modo da poter formulare diagnosi precoci di carie, malattie gengivali, infiammazioni… Individuando una malattia nella sua fase iniziale è possibile adottare la terapia meno invasiva, più rapida e meno costosa.

2. Igiene orale domiciliare: Come suggerisce il termine consta di tutte quelle manovre che andrebbero eseguite a livello domiciliare al fine di garantire un livello di igiene compatibile con la salute orale. Una buona igiene orale è garantita dalla meccanica rimozione della placca attraverso:

- spazzolino: lavarsi i denti 3 volte al giorno e tutte le volte dopo i pasti utilizzando un corretto spazzolamento in modo da evitare danni a denti e gengive. Lo spazzolino va posizionato con un inclinazione di 45° rispetto alla gengiva, e va utilizzato con un movimento in senso gengi-dentale (da rosa a bianco) delle superfici dentali esterne ed interne, nonchè della superficie occlusale (con movimenti antero-posteriori e laterali). Non meno importante è la detersione della superficie linguale che per la sua conformazione trattiene parecchi residui alimentari e batteri, predisponendo allo sviluppo di una alitosi.

 

spazzolamento      spazzolamento      spazzolamento      spazzolamento


- filo interdentale: da utilizzare almeno una volta al giorno in modo da rimuovere i residui che vengono trattenuti negli spazi tra un dente e l'altro. Il filo va arrotolato intorno ai medi e guidato con indici e pollici. Va delicatamente inserito nello spazio interdentale in modo da andare ad abbracciare 1 dei 2 denti e mantenendolo a stretto contatto con quest‘ultimo va estratto con un movimento verticale. La stessa operazione va ripetuta nello stesso spazio, abbracciando il dente a fianco.

 

filo interdentale      filo interdentale      filo interdentale      filo interdentale

- scovolino: questo strumento può essere adoperato in alternativa al filo negli spazi interdentali ampi. E‘ formato da due parti : manico e inserto, quest‘ultimo va scelto in base alla forma più adatta alle proprie caratteristiche dentali in modo da ottenere la maggior frizione. Può essere adoperato in alternativa al filo negli spazi interdentali ampi.

- collutorio e dentifricio: l‘utilizzo di colluttori e dentifrici a base di fluoro riduce il rischio di carie

scovolino

3. Eliminazione/riduzione di abitudini viziate:

- zuccheri: evitare di consumare dolci fuori dai pasti a meno che non si abbia la possibilità di lavarsi i denti subito dopo in modo da ridurre il rischio di insorgenza della carie.

- fumo: aumenta il rischio di insorgenza di malattie cancerose del cavo orale, ed accelera, in pazienti geneticamente predisposti, la rapidità della distruzione dell‘osso di supporto dei denti, provoca macchie sullo smalto dei denti e problemi di alitosi.

- alcool: aumenta il rischio di insorgenza di malattie cancerose del cavo orale.

 

Prevenzione nei Bambini

Fondamentale è la prevenzione della carie anche nel caso dei denti decidui o da latte infatti possono essere causa di infezioni e dolore; inoltre la perdita anticipata di questi elementi può causare problemi di allineamento e occlusioni nella dentatura permanente. Seguendo poche semplici regole si possono evitare ai propri figli sedute dal dentista che spesso possono essere difficoltose e traumatizzanti per i bambini stessi:

- evitare di intingere il succhiotto e la tettarella del biberon in sostanze zuccherine, poichè può portare alla formazione di moltissime carie sulla dentatura decidua.

- mantenere una buona igiene orale usando lo spazzolino fin dalla comparsa del primo dentino.

- fluoroprofilassi: somministrare gocce di fluoro per rinforzare i denti in formazione (consultare il proprio pediatra)

- sigillatura dei solchi: l‘anatomia della superficie masticante dei denti è molto complessa e può presentare solchi così profondi da essere difficilmente detergibili. Nei bambini e ragazzi predisposti allo sviluppo della carie è importante sigillare queste fessure.

 

 

Ogni paziente deve avere presidi specifici per ottenere dei buoni risultati durante le manovre di igiene orale.

Vengono qui descritti dal Dott. Trotta i presidi e le manovre più efficaci per ottenere un buon controllo di placca.

Dott. Nicola Bethaz